ACCEPT è una parete adattata, sensorizzata, riconfigurabile e interattiva, ottimizzata per l’arrampicata di bambini con Paralisi Cerebrale.

Progetto finanziato da Polisocial Award 2019 – Politecnico di Milano

Project

La Cerebral Palsy (CP) è la piu frequente disabilità neuromotoria infantile. I bambini con CP in molti casi possono recuperare parte delle capacità neuromotorie con un intenso lavoro di riabilitazione.
Come recentemente dimostrato, lo sport adattato, affiancato alla riabilitazione in strutture sanitarie, può aiutare questo processo, fino al raggiungimento di obiettivi funzionali altrimenti ottenuti in tempi più lunghi. Partendo da questa evidenza, il progetto si concentra sull’arrampicata, studiando, realizzando e testando, assieme alla fondazione FightTheStroke, un primo prototipo di parete adattata, sensorizzata, riconfigurabile e interattiva (ACCEPT), per rispondere ai bisogni riabilitativi di bambini tra i 6 e i 13 anni. La ricerca si propone quindi di approfondire e promuovere il ruolo dell’arrampicata come metodo terapeutico, proponendo una soluzione che è al contempo allenamento, inclusione e strumento di analisi dei progressi di riabilitazione.

 

ACCEPT sarà composta da tre moduli intercambiabili, riconfigurabili e sensorizzati.  In primavera 2021 stiamo finalmente testando il primo modulo completamente funzionante di ACCEPT nei laboratori del Politecnico.  A breve saremo pronti a installare la parete negli spazi di PlayMore!

ACCEPT, first module

Partner

ACCEPT è possibile grazie al finanziamento Polisocial 2019 e al prezioso contributo  dei nostri partner

e dei nostri sponsor

Team di ricerca

Alessandro Colombo
DEIB [RESP. SCIENTIFICO]

fRANCESCO FERRISE

DMEC [PROJECT MANAGER]

GIORGIO BERETTA

DMEC

VITTORIA ROIATI

TTO

MARIA RITA CANINA

DESIGN

MARCO D. SANTAMBROGIO

CHIARA PARISE

DESIGN

NICOLO DOZIO

DMEC

ROLANDO BRONDOLIN

Ramon Maj

Tiziano cortesi

Contatti

Per informazioni sul progetto ACCEPT potete scrivere a:

alessandro.colombo@polimi.it

Handcrafted by Alexandru Enache and Diego Morra